Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Meghan Markle, nato il Royal Baby: «E’ un maschio e sta bene». Pesa 3,260 chili

È maschio il primo Royal Baby del principe Harry e di Meghan Markle, duca e duchessa di Sussex. L’ex attrice californiana l’ha dato alla luce in queste ore, secondo quanto annunciato oggi dallo stesso Harry. Il piccolo e la mamma stanno bene, ha precisato. Il neonato, primo principe con sangue afroamericano di casa Windsor, diventa settimo nella linea di successione al trono britannico di Elisabetta II dopo Carlo, William e i suoi tre figli e lo stesso Harry.

021319-meghan-markle-1280x720Così i media britannici hanno annunciato la nascita del primo figlio di Meghan Markle e del principe Harry, di cui ha dato notizia su twitter l’account della coppia. Mamma e figlio «stanno bene», si legge. Il bambino, settimo in linea di successione della monarchia britannica, pesa 3,260 chili.

La nascita è stata annunciata su Instagram: «It’s a boy», la scritta condivisa sul profilo dei Sussex. «Entrambi siamo assolutamente elettrizzati e grati per tutto l’amore e il sostegno ricevuto da ciascuno, è meraviglioso e vogliamo condividere (questo momento) con tutti»: queste le prime parole di un emozionato principe Harry, che è uscito a parlare con i giornalisti di fronte alla residenza di Frogmore Cottage.

Meghan aveva cominciato il travaglio in mattinata preparandosi per il parto e l’arrivo del royal baby. Lo riferiva Sky News citando proprie fonti. Per settimane la data della nascita del primo figlio di Meghan e Harry è rimasta riservata.

La notizia del parto in corso era stata confermata poi da un comunicato ufficiale di Buckingham Palace.
Il bambino, il primo della coppia, sarà settimo in linea di successione al trono britannico. Il piccolo e la mamma stanno bene, ha precisato. Il neonato è il primo principe con sangue afroamericano di casa Windsor.

Meghan Markle, nato il Royal Baby: «E’ un maschio e sta bene». Pesa 3,260 chiliultima modifica: 2019-05-06T17:31:06+02:00da giorgio6614
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment